PARROCCHIA UN PO' DI STORIA VISITA DEL SANTO PADRE NEL 1991
LA VISITA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II
10 febbraio 1990 Il Papa visita la parrocchia di S.Frumenzio
Scarica "Caro Papa mi ricordo" con testi e foto, in formato pdf (871 KB)
1. Il saluto del parroco

"Quando ci è arrivata la notizia della Sua indisposizione e quindi della Sua impossibilità di venire qui tra noi siamo rimasti costernati ... il nostro pensiero è andato al Suo viaggio nel Sahel (terra d'Africa) ... Ci ha però anche permesso di riflettere, di andare a rivedere le Sue parole e a sentire anche il Suo appello: il Suo appello all'umanità dei Paesi occidentali nei confronti di coloro che hanno bisogno.
Santità, noi abbiamo di nuovo esposto lo striscione "benvenuto". Forse è la prima parrocchia che si prepara due volte a darLe il benvenuto... e L'abbiamo accolta qui, in questo piazzale dove noi benediciamo i rami di ulivo nella domenica delle Palme e ci diciamo "come a Gerusalemme gli abitanti hanno accolto il Cristo, così noi vogliamo essere disponibili ad accogliere i nostri fratelli".
... Alle Sue spalle avrà visto un "murales". I nostri giovani lo hanno disegnato nella Pasqua del 1987. C'è scritto "ha scatenato la speranza". Cristo il Risorto ci ha dato la gioia ci ha dato la speranza, quella gioia e quella speranza che noi abbiamo dentro e che vogliamo testimoniare agli uomini del nostro tempo."

2. Appello del Santo Padre

"In nome della giustizia, il Vescovo di Roma, il Successore di Pietro, supplica i suoi fratelli e sorelle nell'umanitè di non disprezzare gli affamati della terre d'Africa, di non negare loro il diritto universale alla dignità umana e alla sicurezza della vita…
Come giudicherebbe la storia una generazione che avendo tutti i mezzi per nutrire la popolazione della terra rifiutasse di farlo con indifferenza fratricida?
In quale pace potrebbero sperare dei popoli che non mettessero in pratica il dovere della solidarietà?
Quale deserto sarebbe un mondo nel quale la miseria non incontrasse l'amore che ci dà la vita?…
Bisogna che il mondo sappia che l'Africa conosce una profonda povertà.
Le risorse disponibili sono in diminuzione, la terra diventa sterile su superfici immense, la malnutrizione è cronica per decine di milioni di esseri umani, la morte colpisce troppi bambini.
E' possibile che una tale indigenza non sia sentita come una ferita nel fianco di tutta l'umanità?…"

3. Incontro con i bambini nel piazzale

Nella parrocchia cresce giorno dopo giorno la coscienza di appartenere all'unica grande famiglia fondata da Cristo

4. Incontro con i giovani nel salone a vetri

Davanti ai mali del mondo non basta ripetere parole: bisogna formare un uomo nuovo con una coscienza nuova.

"... Santità, vorremmo domandarLe: come far risuonare anche nel nostro contesto, così sordo perchè troppo ricco e agiato, la Parola che libera, la Speranza che si fa vita e smuove le montagne, che fa crollare gli idoli dai piedi d'argilla?
Quale Impegno, quindi, nella nostra città, nel nostro territorio, per noi cristiani di Roma alle soglie del terzo millennio?"
Risposta del Papa: "...Io penso che si deve intensificare la nostra consapevolezza della ineguaglianza, della ingiustizia che esiste in noi. Si deve intensificare, perché è molto facile semplicemente "passare" come nella parabola del buon samaritano: uno ha visto ed è passato oltre, l'altro ha visto ed è passato oltre, ma il terzo si è fermato. Il problema è fermarsi davanti a questa realtà, e questo è il primo frutto. Io mi rendo conto che questi appelli si ripetono. Specialmente il mondo ricco è abituato a dire: "Il Papa parla, il Papa parla, lasciamo passare lasciamo passare".
Bisogna fermarsi!
Bisogna cominciare a riflettere personalmente, poi nei gruppi, per cercare le soluzioni forse piccole, parziali, ma, finalmente, dalle soluzioni piccole, parziali, arriveremo forse ad una soluzione globale. I mali del mondo sono tanti, questo è un male specifico, in un certo senso esemplare. Ma i mali del mondo sono molti, noi non possiamo lasciare passare, dobbiamo fermarci e riflettere, cercare, trovare, anche pregare.

Penso che noi in questo mondo ricco dobbiamo pregare con tanta insistenza il Signore Gesù, suo Padre, lo Spirito Santo, affinché ci faccia capire, affinché ci faccia soffrire per queste situazioni, per questa ingiustizia che è il mondo. Non basta ripetere le parole, bisogna formare un altro uomo, un'altra consapevolezza umana in questi ambienti.

5. S.Messa concelebrata con il Parroco ed il Viceparroco.

Il Sinodo chiede ai laici di sentirsi impegnati nella formazione di una retta coscienza morale per una testimonianza sempre più coerente.

6. Incontro con il Consiglio Pastorale

La Chiesa si costruisce non solo nelle singole chiese ma ovunque il cristiano è chiamato ad operare.

7. Incontro con il gruppo Amicizia

Non è sufficiente che le persone stiano insieme: per fare comunione ci vuole amicizia in Dio e con Dio.

8. Incontro con il gruppo C.I.A.O.

La promozione della carità è la più grande ed efficace testimonianza della fede in Gesù.

9. Dalla lettera al Santo Padre nel decimo anniversario della sua visita:

Caro Papa,
da quell'incontro e dalle parole pronunciate quella sera ai giovani, la nostra comunità ha dato vita alla presenza in Mozambico.
In ottobre dello stesso anno abbiamo iniziato ad inviare containers di aiuti.
Il 25 aprile del 1991 le prime tre persone sono andate a rendersi conto della situazione di un paese sconvolto dalla guerra.
Da quel momento anche nei nostri occhi si sono stampati definitivamente i volti dei bambini del "nostro" villaggio di Mafuiane.
E lì ci siamo fermati.

 
MENU RAPIDO
Home page
Il Presbiterio
Orari delle S.S. Messe
Contatti
Scrivici
Sacramenti
Catechesi bambini
Catechesi ragazzi
Catechesi giovani
Catechesi adulti
Accoglienza Richiedenti Asilo
Asilo nido
Casa Donata
Centro d'Ascolto Caritas
Cittadinanza attiva
Consulenza familiare
Donazione sangue
Mamre giovani
Missione in Mozambico
Raccolta medicinali
Servizio docce
Televita
Unità di strada contro la prostituzione
Notizie
Collabora con noi
© Copyrights 2015-2020 San Frumenzio - Webmaster - Termini di utilizzo - Privacy Policy